Quali sono i migliori hard disk Seagate rimovibili? Recensioni e modelli

Un hard disk removibile Seagate o esterno è un dispositivo di archiviazione dati utilizzato per leggere o salvare informazioni digitali dal dispositivo a cui è collegato. Queste unità possono essere utilizzate per archiviare foto e video, riprodurre (o registrare) film in televisione, archiviare copie di backup dei file del computer ed estendere la capacità di archiviazione di una console di gioco, tra le altre cose.

A differenza dei dischi rigidi interni, di solito sono di dimensioni relativamente piccole e non necessitano di un alimentatore esterno, rendendoli particolarmente utili per il trasporto da un luogo all’altro.

Di seguito presentiamo le principali caratteristiche dei dischi rigidi esterni in una guida semplice e completa che aiuterà a decidere quale acquistare con criteri in base alle proprie esigenze.

Utilizzare un hard disk removibile Seagate

La prima domanda che bisogna porsi quando prima di acquistare un disco rigido esterno è: per cosa verrà utilizzato?

Non è la stessa cosa utilizzare l’hard disk removibile per salvare le foto di viaggio piuttosto che installarci un sistema operativo oppure Photoshop. In linea di massima conviene, solitamente, utilizzare questi hard disk portatili, per dati che si dovranno usare su più computer. Installarci sopra un sistema operativo risulterà un’operazione decisamente inutile.

Un utilizzo molto comune di un disco rigido esterno è anche salvare contenuti multimediali (foto, video e musica) o collegarlo al televisore per guardarli. In questo caso, si consiglia di acquistare un disco rigido di almeno 500 GB.

Se si vuole che l’unità esegua velocemente l’apertura di un sistema operativo, la cosa più importante è puntare sulla velocità e  sulle prestazioni, risparmiando spazio. In questo caso, l’acquisto di migliore sarebbe un disco SSD. In linea di massima con una capacità di 256 o 500 megabyte si potranno dormire sonni tranquilli.

Hard disk removibili con grande capacità e prestazioni

Nel caso di voler utilizzare il disco Seagate per salvare ed eseguire i giochi PS4 o Xbox One per ampliare la loro memoria, bisognerà invece lesinare sulla capienza. Sebbene è vero che ci son giochi per playstation 4 di appena 200 megabyte, è pur vero che i giochi di maggior qualità possono arrivare ad oltre 100 gigabyte. Considerare l’acquisto di un disco removibile SSD in questo frangente, solo in casi estremi. La spesa infatti non sarà per nulla esigua.

A volte si avrà bisogno di una grande capacità di archiviazione ma anche di prestazioni decenti in termini di velocità. Ad esempio, se si sta per configurare una rete di archiviazione privata che simula un “cloud domestico”, l’ideale sarebbe acquisire un disco Wi-Fi esterno di almeno 4 TB (per ospitare un gran numero di file) e ad alta velocità, per compensare la velocità di trasmissione wireless inferiore rispetto al cavo USB.

In generale, se il disco non verrà utilizzato per salvare le informazioni su base ricorrente ma sarà necessario in situazioni specifiche (salvataggio di foto o filmati, collegamento al televisore, ecc.), La priorità dovrebbe essere la capacità, permettendo di ridurre le prestazioni. Se invece di utilizzerà il disco per situazioni più “stressanti” (eseguendo sistemi operativi o configurando una rete Wi-Fi domestica) si dovrà prestare maggiore attenzione ad altre caratteristiche come la velocità o la potenza di elaborazione.

Connettività di un hard disk esterno

La connettività è il modo in cui il disco esterno Seagate comunica con altri dispositivi. Il più comune per questo tipo di unità esterne è l’uso di connettori USB di tipo A o tipo C , che offriranno velocità di trasferimento diverse a seconda dello standard implementato (USB 2.0, 3.0, 3.1, 3.2, ecc.).

Il connettore USB è il tipo di connessione incorporata nella maggior parte dei computer, telefoni, televisori e console. Tuttavia, è anche possibile trovare interfacce meno comuni come FireWire, SCSI, SATA ed eSATA.

La cosa importante è che sia il dispositivo ricevente (computer, televisione, ecc.) che il dispositivo di archiviazione esterno abbia una porta USB. Si consiglia quindi, di assicurarsi che i connettori su entrambe le unità siano compatibili.

Capacità di memoria dell’hard disk removibile Seagate

La quantità di dati che è possibile memorizzare sul disco è qualcosa da tenere in considerazione poiché in generale, i contenuti che vengono prodotti attualmente (film, videogiochi, foto, ecc.) tendono a crescere di dimensione all’aumentare della qualità.

Al giorno d’oggi è normale trovare film in HD, FullHD o anche 4K, PS4 o Xbox One che occupano 100 GB di memoria o 10 MB o più a foto foto. Se non son si ha un budget molto limitato, l’ideale è acquistare un disco con almeno 1 TB di memoria per non restare a corto si spazio.

Un dettaglio da tenere a mente è che quando si collega il disco Seagate al computer vedremo meno spazio di quanto indicato dal produttore . Ad esempio, quando si collega la versione da 1 TB di un HDD Maxtor al PC, si noterà che la capacità reale è di 931 GB. Perché succede questo?

Storicamente, per semplicità o per marketing, i marchi di dischi rigidi calcolano la capacità utilizzando il sistema di numerazione decimale (quello che usiamo come persone), dove:

  • 1 TB = 10 elevato a 3 GB.
  • 1 GB = 10 elevato a 9 byte = 1.000.000.000 di byte

Tuttavia, un computer comprende solo uno e zero, quindi il sistema operativo utilizzerà sempre il sistema di numerazione binaria, dove:

  • 1 TB = 2 elevato a 10 GB.
  • 1 GB = 2 elevato a 10 MB (1024 MB) = 2 elevato a 20 KB (1.048.576 KB) = 2 elevato a 30B (1.073.741.824B).

Questi sistemi di numerazione danno come risultato due cifre diverse, ma la realtà è che lo spazio memorizzato da ciascuna di esse è lo stesso. Se si divide 1.000.000.000 di byte (sistema decimale) per 1.073.741.824 byte (sistema binario), si otterranno i 931 GB di capacità che il sistema operativo ci mostra per un disco che viene venduto come 1 TB.

Dimensioni, peso e design

Le dimensioni dei dischi sono cambiate progressivamente da quando sono apparse le prime unità sul mercato.

Il primo hard disk della storia pesava una tonnellata e aveva una lunghezza di circa 1,5 metri, con una capienza di 5 megabyte.

Attualmente la maggior parte dei dischi rigidi esterni ha una dimensione di 2,5 pollici (circa 7 centimetri di diagonale). Quelli da 3,5 pollici si trovano invece di solito nei dischi rigidi interni di un computer o nelle unità desktop esterne.

Le unità da 2,5 pollici (al contrario delle unità da 3,5 pollici, che devono essere collegate all’alimentazione per funzionare) possono trarre la potenza di cui hanno bisogno dal dispositivo a cui sono collegate, rendendole ideali per il trasporto da un luogo all’altro.

Inoltre, a causa delle loro dimensioni ridotte, vengono utilizzati anche come dischi interni nei laptop e nelle console di gioco. Stanno addirittura cominciando a sostituire quelli da 3,5 pollici nei personal computer e nei server aziendali.

Compatibilità

Se non si vuole avere la cattiva sorpresa che il disco removibile acquistato non funzioni quando viene collegato, bisognerà controllare che sia compatibile con il dispositivo a cui lo verrà connesso. L’importante è che il file system del disco (solitamente NTFS) sia compatibile con il file system del dispositivo a cui verrà collegato.

Nel caso delle console di gioco PS4 e Xbox One, il file system non è importante perché saranno le console a dargli il formato corretto una volta collegato il disco removibile. Lo stesso accade se utilizzando il disco per registrare programmi TV. Sarà la televisione stessa a dargli il formato appropriato.

Tecnologia hard disk removibili Seagate: HDD o SSD

Esistono due categorie principali nel mondo dei dischi removibili, e per estensione in quello dei dischi esterni: dischi rigidi magnetici o HDD (Hard Drive Disc) e dischi a stato solido o SSD (Solid State Drive).

I dischi rigidi o HDD magnetici sono formati da uno o più dischi circolari con proprietà magnetiche e attraversati da un albero rotante. Su ogni lato di questi dischi c’è una testina in grado di leggere e registrare i dati in modo sequenziale e casuale su di essi.

I dischi SSD o a stato solido utilizzano la memoria flash per memorizzare le informazioni. Questo tipo di memoria non volatile consente di conservare i dati sul dispositivo anche dopo averlo scollegato dalla corrente elettrica. Si potrebbe dire che i dischi SSD sono pen drive di grande capacità.

In pratica le differenze più importanti risiedono nella velocità e nel prezzo. Le unità SSD sono più veloci e generalmente offrono prestazioni migliori, ma sono più costose e hanno una capacità inferiore. I dischi HDD sono più economici e con capacità di archiviazione più elevate, anche se meno veloci.

Attualmente gli HDD stanno venendo progressivamente sostituiti dai dischi SSD, a causa della crescente popolarità, delle prestazioni e del costo di questi ultimi. Infatti nonostante che ancora costino di più, mano a mano i prezzi stanno scendendo.

Appassionato di letteratura, poesia e scrittura, dopo anni passati dietro il bancone del proprio pub attualmente lavora come articolista Seo per molti portali sul Web. E’ anche appassionato di tecnologia ed un accanito videogiocatore.

Back to top
menu
harddisktopm.it